La Quarta Notte della 9 Onda espansa: l’applicazione del cambiamento


Il periodo 2011-2019, che vedo come un'espansione frattale della 9 Onda (234X13) atta al radicamento della Coscienza d'Unità, ha iniziato la sua seconda parte l'8 maggio 2015 (1 Lamat). Comincio a percepire questa seconda parte come un portare nella vita quotidiana le nuove prospettive guadagnate nella prima. Tra coloro che hanno cercato di allinearsi all'Unità, alcuni hanno quasi sacrificato la vita di tutti i giorni per cercare di cambiare la visione del mondo, propria e altrui. In ogni modo, mi sembra che d'ora innanzi sia necessario integrare queste visioni, prospettive, realtà dello Spirito nel quotidiano, per quanto questo possa apparire monotono o "materiale". Tale impulso sta muovendo l’energia sia a livello interiore sia a livello economico e geopolitico. Gradualmente le nuove strutture vanno formandosi - a tutti i livelli. Ricordo che le strutture fisico-culturali sono come una cassa di risonanza della Coscienza. Anche se non appare (ancora) alla comune percezione, modellata dai mass media alla singolarità della conoscenza, ad ogni livello le strutture devono adeguarsi ai cambiamenti di Coscienza: antropologia, educazione, geologia, economia, medicina, politica, ecc., tutti i campi devono riformarsi costantemente per tenere il passo dell'accelerazione attuale. Ci sono due modi affinché ciò avvenga: il primo è stare fermi e venire costretti dall'Evoluzione (sofferenza, disagio, trasformazione); il secondo è "cavalcare l'Onda" (flusso, equilibrio, trasmutazione), ovvero diventare co-creatori coscienti dell'Universo. Le ideologie - categorie che semplificavano la complessità del reale – purtroppo o per fortuna non ci aiutano più (o meglio, esse sono collegate ad una frequenza che è superata, ovvero quella del Settimo piano della piramide, Planetary Underworld, il materialismo, con un ritmo di cambiamento ogni katun - 19,7 anni circa).

In questo processo verso l’Unità (che è eminentemente interiore), dal 2 settembre 2015 al 22 aprile 2016 ci troviamo nell’ottavo tra i periodi di 234 giorni, la 4 Notte. In questa fase vi è energeticamente l’applicazione delle nuove procedure, che si sono rivelate alla Coscienza nel 4 Giorno. La parola chiave è: armonizzazione. Nella metafora dal seme al frutto maturo, la pianta moltiplica le sue foglie e il sistema delle radici abbondantemente. Nell’Evoluzione è quindi un periodo di ricostruzione, organizzazione e bilanciamento. Ogni periodo di 234 giorni è formato a sua volta da 13 periodi (dal seme al frutto maturo) di 18 giorni ciascuno: questo spiega la velocità impressionante degli eventi che stanno accadendo e la difficoltà di tenere il passo unicamente con la mente razionale, che – seppur necessaria – ha bisogno dell’integrazione dell’intuizione, una sorta di “turbo” del cervello. Il livello intuitivo è quello più evolutivo, perché fa lavorare interiormente l'anima. Anche il livello tecnico è evolutivo, ma in maniera ridotta rispetto a quello intuitivo (perché inerisce ad una sfera più superficiale, quella razionale). È un po’ come nella differenza tra trasformazione e trasmutazione di Coscienza: la prima (trasformazione), che è andata da 16,4 miliardi anni fa al 28 ottobre 2011, fa dipendere l’Evoluzione dagli eventi esterni; la seconda (trasmutazione) modifica gli eventi esterni a partire dal cambiamento interiore – stessa differenza tra chimica e alchimia. Ora ci troviamo nel periodo della Trasmutazione e stiamo imparando come funziona: va da sé che anche la trasformazione continua e continuerà ancora a lungo (sono gli effetti di 16 miliardi di anni). Sta a noi aumentare la parte trasmutativa, cosa che è possibile nella Coscienza d’Unità.

Come poter assecondare l’energia dell’applicazione del cambiamento? Evidentemente la risposta è individuale ed è un gran privilegio per tutti che sia così, in quanto il livello di Libertà è in crescita esponenziale: in questo momento rendersi conto delle cose negative è facile, in quanto si palesano sempre meglio alla Coscienza – ma ciò avviene in conseguenza di un risveglio di massa sempre più accelerato, per cui le rimanenti dualità vengono allo scoperto. Allora, per rispondere in generale alla domanda su come sintonizzarsi sulla frequenza dell’applicazione del cambiamento, è forse utile in questa fase, oltre alla consapevolezza e al discernimento rispetto ai meccanismi propri delle Onde dualistiche precedenti, proprio focalizzarsi sui progressi notevoli che la Coscienza Collettiva sta facendo: ciò porta necessariamente ad un radicamento dell'Unità, la realizzazione del Senso della Vita, che è la frequenza pulsante e totipotente che anima e vivifica ogni individuo. A chi spetta la scelta? A noi - individualmente (questa è la connessione universale, che è il nostro talento comune, che tuttavia va ricordato a se stessi in ogni momento).

Nel periodo di 234 giorni precedente l’attuale (4 Giorno), che è stato per me deputato a rivelare il cambiamento, mi è capitato sovente di riflettere su quanto sia necessaria la consapevolezza degli eventi, delle dinamiche antropologiche, economiche e geopolitiche: altrimenti siamo tutti manipolabili, come si evince dalla quotidiana parodia dell'informazione. Allo stesso tempo, però, rimanere unicamente focalizzati su questo piano fortemente deteriorato, anche con puri ed encomiabili intenti di indagine e di scoperta, può portare fuori dal proprio Senso: chi sono veramente e perché sono qui? Non è forse la cosa più importante in assoluto costruire ogni giorno una parte, anche piccola, del mio desiderio profondo? Sì. Per essere davvero maturi e perciò generare una società giusta ed armonica, è necessario un mix equilibrato di Consapevolezza e Coscienza: la prima è la conoscenza basata sul sentire profondo; la seconda è la capacità di percepire direttamente, accogliere con fede (senza limiti precostituiti) e realizzare con determinazione il proprio unico, sacro e divino Progetto di Vita. Questo grande disegno, l'insieme delle due competenze, ha un nome: Autocoscienza - la materia Spiritualizzata e lo Spirito materializzato, l’Unità, lo Scopo Finale dell'Evoluzione. Questo scopo è individuale. Lo ribadisco: questo disegno è individuale. Nasce e cresce dentro ognuno di noi – mediato dalla Collettività della Coscienza, o – se la Consapevolezza è ancora insufficiente – dal Subconscio Collettivo (sede dei condizionamenti). Solo in quanto individuale, l’Unità può collegarsi tra i vari soggetti e costituire un Intero. La co-creazione consapevole è, innanzitutto, creazione di se stessi.

Un altro importante aspetto che è maturato nel 4 Giorno e che sarà fondamentale nella riorganizzazione della 4 Notte, è il concetto non lineare del tempo, perché solo con esso è possibile leggere il mondo interno e il mondo esterno e tentarne una prima unificazione, che sarà il tema centrale del 5 Giorno. Molte teorie oggi stanno andando in questa direzione, ma ora eviterò l'aspetto tecnico, per rimanere su quello intuitivo: il tempo lineare senza dubbio esiste, però solo da un certo punto di vista. Io stesso parlo e scrivo di Evoluzione di Coscienza a partire da 16,4 miliardi di anni fa (tempo lineare), pur sapendo che l'obiettivo di questa evoluzione è proprio trascendere il tempo lineare. Il tempo è sincrono (o sincronico, se osserviamo le interrelazioni che non sono propriamente di causa-effetto, ma nessi acausali, appunto di sincronicità, per riprendere la terminologia junghiana): passato-presente-futuro sono un unico tempo, ma con spazi diversi, che noi “per comodità” mettiamo in linea retta. Detto in altri termini: ora sta avvenendo la rivoluzione francese; ora – siamo nel 2050 - sta nascendo mio nipote. Il tempo è lo spazio, ordinato in modo lineare (detto "tempo") solo nella nostra ordinaria dimensione. Sembra che la causa sia nel futuro e l'effetto nel passato. E ancora: ora sta avvenendo la terza guerra mondiale e il mondo è stato distrutto, così come ora il mondo è un paradiso a tecnologia sostenibile. Il concetto di multidimensionalità, che è entrato nella Coscienza Collettiva nel 3 Giorno della 9 Onda espansa (verità), credo che si radicherà in questa 4 Notte. Allo stesso modo, i progetti che hanno come scopo l’Unità e che riescono a trascendere gradualmente i retaggi delle Onde precedenti, vedranno aumentare l’applicazione pratica di questa nuova energia.

Credo fermamente negli uomini, esseri incredibili dotati della facoltà dei sentimenti, che è un vero e proprio miracolo dell’Evoluzione. Ora, per questi esseri sensibili esiste chiaramente un bivio, che è dato da una scelta: aver fiducia in se stessi oppure no. I condizionamenti ricevuti non tolgono a nessuno questa responsabilità – nonostante i condizionamenti, io posso in ogni momento scegliere. La scelta di ringraziare i livelli precedenti di Coscienza, che sono la base dell’attuale, e allinearsi alla Coscienza d’Unità, che è il livello del destino dell’Umanità, deve avvenire nell’intimo di ognuno di noi, senza eccezione. La prospettiva di tale scelta, anche se delineata temporalmente, deve trascendere il tempo lineare: essa influenza non solo il futuro, ma (sembra paradossale, lo so) il nostro passato. Allinearmi oggi con l’Unità di Coscienza modifica tutto ciò che ho già vissuto, perché esiste solo l’attimo. Penso che il lavoro della 9 Onda espansa sia per noi la possibilità di addentrarci come esseri finiti nell’Infinito, che è racchiuso nell’attimo presente. Il presente ciclo di 13 periodi di 18 giorni, che sarà molto pratico, secondo la mia interpretazione, ci avvicinerà a questa percezione.

 

Marco Fardin
1 Chiccan
13.13.13.13.13.13.13.16.91.1 (2 settembre 2015)

 

 

 

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.